domenica 18 novembre 2012

Pasta con i cavolfiori

Una buona domenica a tutti!!
Sono stata poco bene nelle ultime settimane per cui non pubblicato ricette (anche perchè a parte un po' di pasta olio e formaggio o con il pomodoro o delle fettine di pollo o vitello ai ferri non è che preparassi molto altro), ma ora inizio a stare un po' meglio.
Ebbene volevo presentarvi una pasta che mia mamma ha sempre preparato: quella con i cavolfiori. Non ho ben capito se sia una pasta tipica del suo paesino di origine o se lei ha aggiunto delle variazioni, lei dice che l'ha imparata così da mia nonna. In famiglia la amiamo tutti per cui non potevo non apprenderne la ricetta e anche mio marito e mia figlia ne apprezzano la bontà.


Ingredienti
Pasta corta (ditali, conchiglie rigate, pipe, orecchiette..)
1 cavolfiore
1 spicchio di aglio
Pinoli
Uvetta
Capuliato *
Olio
Pangrattato tostato
Parmigiano grattuggiato
Sale

Procedimento

* Il capuliato ("capuliatu") è il pomodoro secco (le cosiddette "cchiappe") macinato. In Sicilia si preferisce far seccare al sole il pomodoro ciliegino che è molto dolce. Poi si trita insieme a qualche foglia di basilico. Gli usi sono svariati, vi assicuro che è ottimo per insaporire diversi piatti.


Innanzi tutto bollire in acqua salata il cavolfiore a pezzi, lasciandolo un tantino al dente (anche se io lo preferisco un po' più cotto).
Poi far imbiondire lo spicchio d'aglio a pezzetti in una padella con l'olio, aggiungervi il cavolfiore a tocchetti, l'uvetta (che nel frattempo avrete fatto ammorbidire nell'acqua), i pinoli e una bella manciata di capuliato e lasciare a fuoco lento per circa 5 minuti.

 

Nel frattempo avrete fatto bollire l'acqua per la pasta, preferibilmente quella in cui avete cotto il cavolfiore, eventualmente diluita se ne fosse rimasta poca.
Quando la pasta è pronta versarla nella padella con il condimento e mescolare delicatamente con un cucchiaio di legno. Alla fine spolverare con pangrattato tostato, preparato versando in un padellino il pangrattato e un filo di olio e mescolandolo continuamente con un cucchiaio di legno.
A piacere servire e condire con parmigiano.

NB Con un cavolfiore di quelle dimensioni abbiamo mangiato io, mio marito e la mia piccola



Ciao e alla prossima!!!

sabato 17 novembre 2012

The Versatile blog! Il mio primo premio!!

Ho ricevuto il mio primo premio e sono molto contenta!
Ringrazio il gentilissimo, bravissimo e creativo Francesco del blog  http://lacucina-degliangeli.blogspot.it/  (uno dei miei blog preferiti) che mi ha nominata tra i blog scelti.
Le regole sono girare il premio ad altre 15 persone e raccontare 7 cose di sè.
Ecco..io ci provo.. Premetto che sono una persona molto riservata ed introversa e non amo mostrare molte cose del mio carattere però ci provo..


1) Ho 32 anni (quasi 33 per la verità), sono di origini siciliane ma mi son trasferita in Liguria da 4 anni...causa maritino genovese
2) 3 M posso descrivermi: per chi mi segue sa che sono Mamma di una meravigliosa monella di 2 anni e Moglie di un cocciutissimo genovese. Ma non avevo mai svelato la 3° M: sono Medico..
Ebbene si.. ho studiato anni, anni e anni per svolgere una vera missione a contatto con le sofferenze.
3) Mi piace fotografare, amo il punto croce (ho la casa piena di schemi, riviste, stoffe, kit, ricamabili) ma è difficile ricavarmi una spazietto per poter crocettare staccando dal resto della famiglia; ed infine amo i coltivare bulbi da fiore..
4) Ho imparato a cucinare da piccola seguendo mia mamma che, come tutte le insegnanti, trascorreva i pomeriggi a casa con me e mia sorella dopo la scuola. Mentre mia sorella non si è mai interessata alla cucina (pensate che a circa 13 anni per cuocere un po' di pasta ha buttato nella pentola contemporaneamente: acqua fredda, un pizzico di sale e spaghetti e solo dopo ha acceso il fuoco), io seguivo mia mamma come un'ombra soprattutto quando preparava le tartine per i compleanni, i pan di spagna come merenda del pomeriggio e impastava pane e pizza (anche se io sono ancora una frana ad impastare :-( Ma il mio bimby ha risolto gran parte dei miei problemi).
Conoscendo la mia passione per i fornelli i miei genitori mi regalarono per un Natale all'età di circa 8-9 anni il Dolce forno Harbert, con il cui mini ricettario mi sono cimentata nelle mie prime mini-torte.

5) Sono una pigrona.. odio la palestra o non riesco a fare nessuno sport. Per fortuna ho un peso normale perchè il solo pensiero di muovermi mi mette in crisi!! :-)
6) Mi piacerebbe viaggiare tanto e girare nuovi paesi ma non riesco mai a farlo perchè tutte le ferie le trascorro nella mia amata terra d'origine insieme agli affetti più cari.
7) Spero di riuscire a trasmettere a mia figlia (e ad altri eventuali figli che il Signore vorrà donarci) gli stessi valori che i miei genitori mi hanno trasmesso (il rispetto della famiglia, di se stessi e degli altri, la generosità, la forza di lottare per quello che si vuole, aiutare chi soffre)..

Grazie ancora a Francesco per avermi permesso di guardare un po' dentro di me e di raccontarvi qualcosa.
Il premio lo dono a:
1) http://miciecrocette.blogspot.it/
2) http://mammachemousse.blogspot.com/
3) http://cuoredisedanoblog.blogspot.com/
4) http://ilcricetogoloso.blogspot.com/
5) http://lapanciadellupo.blogspot.com/
6) http://zagaraecedro.blogspot.com/
7) http://www.cookeryaddicted.blogspot.it/
8) http://www.ilparadisodelledolcezze.com/
9) http://civisianuensis.blogspot.com/
10) http://kappaincucina.blogspot.it/
11) http://morenaincucina.blogspot.it/
12) http://acquolina-francesca.blogspot.it/
13) http://www.lapappaalpomodoro.com/
14) http://girasoli-crocette.blogspot.it/
15) http://crocettandofralepesti.blogspot.com/

Ci sono alcune persone di cui io seguo il blog, ma che non seguono il mio. Volevo precisare che il fatto di aver conferito il premio non è un invito a seguirmi; avrei preferito nominare 15 persone tra i miei follower per evitare malintesi, ma non ho 15 lettori e le regole del gioco erano queste.

giovedì 1 novembre 2012

Gateau di patate

E' arrivato il tanto temuto freddo!! Non siamo ancora al gelo polare di gennaio, però passare da circa 20-22 gradi a 7-8 gradi è traumatico ed infatti io e la mia piccola siamo cadute nella morsa del freddo: raffreddore e febbre! Per non parlare della pioggia: non riesco a fare una lavatrice. Il cestone "vomita" vestiti da lavare.. E siamo solo all'inizio..
Circa 1 anno fa a Genova succedeva il finimondo. Mi auguro con tutto il cuore che quest'anno il tempo sia un pochino più clemente.
Una di queste sere ho provato a fare il gateau con il bimby. Erano anni che non lo realizzavo..


Ingredienti
9-10 patate piccole-medie
Mortadella a cubetti
Stracchino
60-70 g di parmigiano grattuggiato
40 g di burro
1 uovo
Pangrattato
Sale

Procedimento
Mettere nel boccale 500 g di acqua, tagliare a pezzetti le patate sbucciate e metterle nel cestello o nel varoma: circa 30 minuti vel. 1 Temp Varoma.
Mettere nel boccale le patate, il burro, l'uovo, il parmigiano e il sale (attenzione che la mortadella è piuttosto saporita): 40 sec. vel 7
Aggiungere la mortadella e un po' di stracchino e amalgamare con antiorario per pochi sec. a vel 1.


Versare uno strato di impasto in una teglia imburrata e cosparsa di pangrattato, coprire con lo stracchino rimanente e versare il resto del purè. A piacere, spargere pochi fiocchetti di burro sulla superficie.


Infornare in forno caldo circa 35 minuti a 200°. Il mio ha debortato un po'..avrei dovuto usare una teglia un po' pià larga.


Buon appetito!!