domenica 20 gennaio 2013

Pizze

Come vi avevo anticipato nel post precedente, ho impiegato subito le farine gentilmente inviatemi dal Molino Chiavazza per la realizzazione di una gustossima pizza. Di solito il venerdì o il sabato sera è la serata pizza: prima della nascita della piccola furia, era nostra abitudine realizzare tutto a casa, poi, un po' per stare con lei, un po' per la stanchezza accumulata a lavoro, abbiamo iniziato ad ordinarle a domicilio (perdendoci tanto nel gusto perchè arrivano costantemente fredde).
Ebbene finalmente ci siamo rimessi con le mani in pasta ed ecco che cosa ne è venuto fuori.





Ingredienti per l'impasto:

300 g di semola rimacinata Molino Chiavazza
200 g di manitoba Molino Chiavazza
1 cubetto di lievito di birra
acqua (circa 350 ml)
sale
olio (1 cucchiaio per ogni etto di farina)
zucchero

Procedimento



In una ciotola capiente, versare le farine e formare tre buchi su cui versare l'olio, il sale e l'acqua tiepida (più che tiepida, anzi caldotta) in cui è stato sciolto il cubetto di lievito con 1 cucchiaino di zucchero.
Impastare per 10 minuti. Formare una palla che lascerete lievitare coperta da un canovaccio in un ambiente caldo (io l'ho messa nel microonde, logicamente spento) per almeno 2 ore.

Trascorso il tempo necessario ho formato 3 panetti: 2 per le classiche teglie rotonde ed 1 più piccolo per la bimba.

Farciture

- Strato di mozzarella, fettine di lardo, funghetti misti sott'olio ben sgocciolati, un filino di olio.
Tre minuti prima della fine della cottura aggiungere scaglie di grana



- Strato di prosciutto cotto sull'impasto, salsa di pomodoro, mozzarella, melanzane (io ho usato 1 melanzana, tagliata a pezzetti grossolani, fatti sgocciolare con il sale per 30 minuti, poi cotti in padella con acqua e poco olio e prezzemolo. La cottura non deve essere completa, perchè finiranno di cuocersi in forno). Poi rondelle di wurstel e filo di olio. Tre minuti prima della fine della cottura aggiungere scaglie di parmigiano.



- Pizza topolino: salsa di pomodoro, rondelle e filetti di wurstel. Tre minuti prima della fine della cottura aggiungere la mozzarella tagliata a forma di ovale per gli occhi e a semicerchio per la bocca. Sugli occhi abbiamo aggiunto anche del patè di olive nere.

5 commenti:

  1. Vivrei di pizza...le tue sembrano squisite!!! Sono solo le 10.30 e già mi fai venire fame!!!
    Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-) a chi lo dici!! Se ripenso a queste pizze mi viene l'acquolina!

      Elimina
  2. Da napoletana ti dico che le tue pizze hanno proprio un bell'aspetto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un onore ricevere un complimento da un'estimatrice napoletana!!

      Elimina
  3. Complimenti hanno un aspetto fantastico...
    mi sembra di sentire il profumo :)io adoro la pizza
    Anche a casa mia c'è la sera della pizza ed è bellissimo farla a mano e cuocerla nel forno della stufa a legna.
    Giovanna

    RispondiElimina