lunedì 10 giugno 2013

Benvenuta Giorgia Maria!

Io, il papà e la piccola Chiara Maria volevamo annunciarvi l'arrivo della nostra Giorgia Maria.


 E' arrivata il 31 maggio, 3 giorni prima del termine, all'improvviso, senza avermi dato contrazioni che lasciavano presagire che si sarebbe fatta vedere in anticipo. Ormai, rassegnata, immaginavo che avrei dovuto aspettare giorni e giorni prima che nascesse, come aveva fatto la mia primogenita. E cosa ancora più importante è nata con pochissime ore di travaglio.. Il pomeriggio prima ero uscita a passeggiare con la mia famiglia, mia sorella e mia mamma: abbiamo fatto un po' di shopping, ci siamo coccolati con un buonissimo gelato, abbiamo camminato un po' e la sera, mentre ero seduta sul divano a guardare la tv, cominciavo ad avvertire qualche sporadico doloretto insignificante. Ho dormicchiato fino alle 4:30, svegliandomi saltuariamente con qualche dolorino, fino a quando le contrazioni sono diventate regolari ogni 8 minuti. Ho aspettato fino al mattino per andare in ospedale dove il medico che mi ha visitato mi disse che non avevo ancora un minimo di dilatazione, ma che non se la sentiva di rimandarmi a casa perchè esserdo il secondo figlio le cose avrebbero potuto andare molto velocemente.. Così mi consigliò di passeggiare per i corridoi e, approfittando del fatto che mio marito lavora nello stesso ospedale, di stare un po' nel suo ambulatorio e di farmi vedere dopo 2 ore. Ebbene erano le 10 passate ed ho impiegato circa mezz'ora per percorrere un corridoio abbastanza corto, con la gente che mi guardava impietosita perchè ad ogni contrazione mi fermavo ed abbracciavo mio marito, tremando per il dolore. A mezzogiorno ritorno a fatica a farmi vedere... ho aspettato mezz'ora in piedi, perchè stare seduta in sala di aspetto su quelle sedie durissime, era impossibile.. Neanche il medico e l'ostretica immaginavano la rapidità con cui mi sono dilatata, perchè hanno dato la precedenza a mamme che erano lì solo per il monitoraggio. Finalmente arriva il mio turno, temevo di partorire in piedi in sala d'aspetto se non mi avessero fatto entrare: sentivo un tensione esplosiva e tanta voglia di spingere. Nessuno si aspettava che avevo già 7 cm di dilatazione con sacco tesissimo (è stato bellissimo quando l'ostretica ha chiesto al medico "la porto a fare il monitoraggio, quanto è dilatata? 4 cm?" ed il medico "più di 7 cm con sacco che sta scoppiando: in sala parto subito!!". Mio marito è scappato a registrare il ricovero ed io, con estrema fatica, mi sono cambiata ed ho raggiunto la sala parto SENZA DI LUI! In preda ai dolori pensavo che lui non sarebbe arrivato in tempo! Il reparto dove ho partorito ha 3 sale parto e tutte e tre erano occupate ma data l'urgenza della situazione :-) ne hanno liberato una per me! Sono entrata in sala parto alle 12:40 e Giorgia è nata alle 13:37.. E' bellissima, tenerissima e già un po' viziatina! e' molto agile (tiene già su la testa e nella posizione prona, tende a spostarsi in avanti e a rotolare :-) )..
Il mio pensiero più grande per ora è la piccola Chiara a cui sto cercando di dedicarmi continuamente per non farle pesare l'arrivo della sorellina.. Io sento che è meno affettuosa nel miei confronti, il giorno in cui sono rientrata a casa dopo la dimissione, non mi ha nemmeno salutata, e ne soffro parecchio. Piano piano so che si abituerà, piano piano capirà che Giorgia non le ha tolto il posto nel mio cuore e che l'amore non è un sentimento misurato che esiste in un certa quantità limitata che bisogna spartirsi.. L'amore è un sentimento innato ed infinito..


Un bavaglino per Giorgia

1 commento:

  1. tantissime congratulazioni cara e benvenuta alla piccolina!

    RispondiElimina